Sabrina Balbinetti








ER MESTIERE MIO

A dicembre compio l'anni co' li gatti
pe' adesso io ce n'ho quarantatré
scrivo poesie, cucino e lavo i piatti...
e tutto quanto er resto viè da sé.

Io ciò un potere de capì ar volo

quello che all'omo je succede drento
me basta un "TAC" pe' un minuto solo
e svelo l'interiore patimento.

Riesco a guarda' in fonno a ogni 'individuo,

ma nun vojo pecca' de presunzione,
nun è talento quello che ve dico
ma pratica de vita cor "BOTTONE":

scusate, se pe' un po' io ciò giocato,

sur doppio senzo der mestiere mio
ecco: ualà...er mistero è già spiegato
solo un istante e dico chi so' io! 

Nun so' un fenomeno da baraccone,

nun riesco a legge' in mente a chicchessia,
lavoro in ospedale... (gnente nome) 
io fo' er TECNICO... DE RADIOLOGGIA!












–––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––

Da Piove Sur MagnatoEdiz. Albatros Il filo

–––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––








Sabrina Balbinetti Non amo scrivere su di me, sono un'autrice romana che vive nella caotica ma adorabile capitale con un compagno (che mi supporta e mi sopporta) e due pesti di 17 e 11 anni (Sara e Simone). Adoro scrivere in dialetto, l'italiano non fa per me.