Patrizia Bianchin





IL PIANETA VERDE

Creatura di un verde pianeta
di acque feconde
e di ondulate praterie
di boschi millenari
dal silenzio rivestiti
di antiche foreste
e selvaggi fiumi dipinto
di cime innevate
dalle pendici scoscese
e di laghi ed oceani
dal profondo canto.
Che le mie braccia siano rami
e i miei capelli fronde
che la linfa scorra veloce
intensa come sangue
che la rugiada ricopra la mia pelle
e i miei piedi accarezzino fiori
che il sentiero all’orizzonte
diventi acqua scrosciante
lavando via le colpe
di essere nata umana.
E mentre Madre Terra piange
ferita e umiliata dai suoi figli
ci concede ancora Vita
e il nostro soffitto è ancora il cielo
trapuntato di astri
luminosi come gli occhi
di ogni creatura vivente.
Cuore che batte come tuono
mentre la pioggia diventa tempesta
e le mie mani sfiorano l’erba
mentre l’anima si riempie
del profumo della Vita.
Che sia madre sorella e amante
che sia Donna in ogni sussurro
che sia farfalla dalle ali di vento
che sia me stessa e sia perdono
che sia Vita… che sia Amore.











–––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––










Patrizia Bianchin E' nata a Biella il 20/10/1969. Tre volte mamma, vegana per vocazione, scrittrice per passione, da sempre ho trovato nelle poesie il modo più immediato, diretto e profondo di esprimere me stessa, il mio vissuto, i miei ideali, la mia anima. Poesia che in alcuni periodi della vita ha avuto funzione terapeutica, in altri è stata più semplicemente il mezzo di raccontare i miei giorni e le mie emozioni. Poesia che per me è una testimonianza d’Amore, in ogni sua forma.