Loredana Borghetto





CORPI NELLA NOTTE

Corpi distesi
sulla schiena della notte
chiusi in un alveare
di sogni proibiti
profumati di umori
sfavillanti
esplorano rotte
sconosciute
in un turbinio confuso
di pensieri
dita di stelle
sfiorano sinuosi orizzonti
imprimono il segno
di una maledizione
nei cuori incantati
al limite di un burrone.

Quando l’alba
corrompe la notte
resta una sottile
pellicola luminosa
sulla carne
dolcemente sgualcita
si dissolve il sogno
che per un attimo
aveva sostato sulla riva
delle  palpebre
insieme al profumo
amaro del gelsomino
non più schiuso.
















–––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––










Loredana Borghetto Nata nella “marca gioiosa”, laureata in lettere presso l’Università di Padova, da molti anni vivo in provincia di Belluno, abbracciata dalle Dolomiti, che sono poesia allo stato puro. Grazie al mio curriculum scolastico e lavorativo ho frequentato da sempre Dante e Petrarca, Foscolo e Leopardi. Ungaretti e Montale…;  da sempre mi sono mossa tra allegorie e metafore, ossimori e sinestesie, litoti e metonimie…. Per questo mi piace pensare di essere “necessitata” alla poesia, anche se vi sono approdata da poco, quasi inavvertitamente. Presso la Casa Editrice Urso ho pubblicato le raccolte: “Anch’io sento quel canto” e “Vite in cammino”; alcune mie poesie sono apparse in sillogi varie, in ebook e in una importante fantina.