Donatella Maino







MADDALENA

Vide un falò sulla rena, si unì ai pescatori
che lanciavano reti nel mare di Galilea.

alle fiamme concesse le lettere perché

si spegnessero in silhouette di fumo
al giallo rogo d'occhi
di puttana che scrive di negro.

- ah pescatore, dimmi dei pani e dei pesci

e dell'acqua in vino alle nozze di Canaan
e di Maddalena, tu sei l'ultimo commento
al paradiso











–––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––








Donatella Maino nasce in un piccolo paese alle porte di Trento, alle 20 di una vigilia di Natale. Cresce in un ambiente povero ma con una grandissima voglia di farcela. Alla soglia degli anni '60, già adolescente, sente il desiderio di mettere nero su bianco, incomincia a scrivere tutto quello che vorrebbe vivere. Dirà poi che non avrebbe voluto scrivere ma disegnare i pensieri con le unghie. Nel 2005 realizza la sua prima raccolta, titolandola di "Rami e Foglie" con la Casa Editrice il Filo di Roma. Nel 2006 dà alle stampe, autoeditandosi con la Lulu.com "Il peso del Cielo", esperienza che ripeté nel 2008 con "Bianco Crudo", terzo soldatino della fila.  Nel 2009 esce "L'Ipotesi", pubblicato sempre con la Lulu.com