Annafrancesca Smimmo






Fragilità

Crollo in mille pezzi
Come il vetro
Mi frantumo.
Eppure resto intero
E lo sono.
Anzi,
La luce si riflette nei miei frantumi
Ed ecco, sono roccia.

*

Luna

Quelle mani fredde
Ormai lontane, più non mi stringono

E fuori è buio.

Quegli occhi color ghiaccio 
Ormai chiusi, più non mi guardano

Nuvole nere nascondo la luce.

Quel sorriso pallido
Ormai spento, più non mi rallegra

E fuori è buio.

Ma il tuo respiro lo sento, 
Dentro di me

Ecco la luna.

















–––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––

Annafrancesca Smimmo nasce il 13 Febbraio del 1998 in provincia di Napoli. E' una studentessa universitaria presso l'Università Federico II di Napoli. Studente di matematica, a differenza di quanto si possa immaginare commenta così questo innesto" Matematica e Scrittura, così incredibilmente simili. La matematica ci permette di esprimere il mondo intorno a noi e la scrittura il mondo dentro di noi. Questa sua passione risale alla scuola elementare, dove si divertiva a scrivere piccole poesie, anagrammi e piccole canzoni. Ha scritto diverse poesie e racconti, rimasti però personali. Nonostante ciò, il 1° marzo del 2017 il suo racconto intitolato "L'orizzonte" è stato pubblicato da Homo Scrivens editore, nel libro "Tutte le storie del mondo" a cura di Pietro Damiano.  Quando non si dedica alla scrittura e allo studio ha una passione per il fai da te.